Jump to content
News Ticker
  • Zwave-Community.it diventa DOMOTICA Easy!!
  • Il portale dedicato alla DOMOTICA WIRELESS
  • Forum - Guide - Recensioni

REGISTRATI PER VISUALIZZARE TUTTI I CONTENUTI DEL NOSTRO PORTALE!

ATTENZIONE: Alcuni contenuti del sito sono visualizzabili sono dagli utenti registrati. 

REGISTRATI ADESSO alla nostra comunità e dai anche il tuo supporto per ottenere di più!

ro1980by

Da Mi Band 3 a variabile su HC2

Recommended Posts

Ciao a tutti, 

non sono stato molto partecipativo, ma ora che ho un pò di tempo da dedicare a questo fantastico nuovo mondo (e al fatto che sono passato da una HCL ad una HC2), ne approfitto per chiedervi un pò di informazioni.

 

Vorrei poter aggiornare una variabile basandomi sul fatto che dormo o che sono sveglio.... Ed eviterei volentieri delle operazioni manuali (sicuramente me ne dimenticherei, perdendo così efficacia).

Pensavo di sfruttare in qualche modo la Mi Band che conosce "perfettamente" l'orario in cui dormo e in cui sono sveglio. Solo che non ho idea di come sfruttare questo dato... Sono solo riuscito a passare da MiFit a Google Fit i dati del sonno, ma anche qui per ora, non me ne faccio molto di più... 

Qualcuno ha fatto qualcosa di simile?

 

Grazie a tutti per l'aiuto e un saluto

Roby

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao, se riesci a far transitare il dato che ti interessa su IFTTT puoi facilmente utilizzarlo poi per far aggiornare una variabile su HC2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Direi che possiamo dividere il problema in due parti:

1) trasmissione dati verso IFTTT

2) trasmissione dati verso HC2

 

Sul punto 1 non avendo provato direttamente ti propongo un approccio che "dovrebbe" funzionare, sul punto 2 invece non ho dubbi perché ho provato tutte le strade

 

1) se hai android potresti utilizzare l'app "Tasker" per intercettare il cambio di stato dell'orologio (potrebbe servirti anche un'altra app collegata all'orologio che manda la notifica a Tasker). Tasker una volta intercettato il cambio di stato chiama una API di IFTTT. Questa API l'hai predisposta tu su IFTTT (nella parte "if") utilizzando il servizio Webhook. Siamo arrivati così al punto in cui quando cambia lo stato sonno/veglia riesci a far "scattare qualcosa su IFTTT"

 

2) A questo punto hai 3 alternative: una (a) NON sicura, una (b) sicura ma che necessita configurazione avanzata e un altro componente (ad es. un raspberry) e una (c) semplice ma più limitata

a - sul router di casa apri una porta (scelta da te) e indirizzi il traffico sulla HC2. Questa opzione NON è sicura perché di fatto stai esponendo su Internet la HC2 ma te la espongo per completezza. Il vantaggio è che una volta esposta, puoi utilizzare il servizio "Webhook" di IFTTT e chiamare qualsiasi API tu voglia su HC2, passando anche parametri aggiuntivi alle scene

b - installi un reverse proxy (ad es. NGINX) su un Raspberry (o un altro pc che hai in casa) e lo configuri in modo da accettare in ingresso solo connessioni SSL (devi procurarti un certificato) e fai transitare su HC2 solo quello che vuoi. Poi apri sul router di casa una porta che indirizza il traffico su Raspberry. In questo modo la HC2 non è esposta direttamente ed è raggiungibile solo ad un determinato percorso stabilito da te e solo il SSL. Questa soluzione è la più versatile ma anche la più laboriosa in termini di implementazione. Anche in questo caso devi usare il servizio "Webhook" su IFTTT

c - crei su HC2 una scena per cambiare lo stato di una variabile locale. Puoi fare o una scena che commuta la variabile oppure una scena per metterla a 1 e una per metterla a 0. A questo punto nella sezione "Then" di IFTTT selezioni il servizio Fibaro e lanci la scena che hai preparato. Questa è la soluzione più limitativa a causa del ristretto numero di azioni che permette il servizio Fibaro implementato su IFTTT

 

Come ulteriore sicurezza, per tutte le opzioni ti consiglio di creare un utente su HC2 con i diritti limitati ad agire solo su quello che ti interessa

 

Potrei anche dilungarmi sul motivo per cui in generale preferisco di gran lunga la soluzione b ma, se la necessità non giustifica lo sforzo implementativo, ti suggerirei di andare sulla c

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×